Social Caritas

Social Caritas

«I poveri sono la proposta forte che Dio fa alla nostra Chiesa affinché essa cresca nell’amore e nella fedeltà»

Papa Francesco

La definizione del dizionario non rende giustizia al concetto di povertà, che appare ai nostri occhi molto più diversificato e complesso di quanto appaia a prima vista. La povertà a molte facce, è un puzzle complesso e poliedrico, composto da molti tasselli, ai quali il rapporto Caritas tenta di fornire a corpo e anima, dando voce ai dati e testimonianze, storie ed esperienze di vita che segnano la storia quotidiana dei nostri territori, delle persone e delle famiglie protagoniste del fenomeno, da una parte e dall’altra della barricata.

Nella nostra piccola quotidianità, la povertà si sta espandendo a macchia d’olio, e come sempre il Centro Caritas di Mondolfo, si espone in prima persona, rispondendo come meglio riesce a questa realtà parrocchiale.

La nostra comunità religiosa grazie alla generosità di molti, è viva, attiva e operosa in questo grande campo della carità, ma questa opera di generosità necessita di continui aiuti di misericordia.

Ognuno di noi, con un gesto educativo, solidale e piena di generosità può dare un contributo alla comunità, grazie a un progetto della Caritas di Senigallia: Il Social Caritas.

Il progetto è nato per sostenere e incrementare il Fondo di Solidarietà e di sensibilizzare alla condivisione. Il condividere il proprio bene con tutti, secondo il bisogno di ciascuno. Questo progetto è rivolto a tutti, persone, famiglie, associazioni che desiderano offrire un aiuto concreto.

Ma come possiamo aiutare? Versando alla Caritas diocesana un contributo mensile di soli 5,00€ tramite il referente parrocchiale, così da poter creare un entrata stabile e fissa con il quale offrire un sostegno concreto alle famiglie e ai quanti hanno bisogno di aiuto.

Tutto ciò aiuterà a “crescere” la nostra comunità nell’attenzione continua e gratuita al bisogno dell’altro, per così plasmare tutti insieme una comunità solida, unita e vicina alla parola di Dio.

Si è una comunità perchè si è corpo, si è insieme, dove si ha ben presente e si porta nel cuore chi “non ha voce”, chi non ha altri “mezzi”.

Stampa articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.