Festa del Corpus Domini a Mondolfo – 1 giugno 2024

Si celebra anche a Mondolfo sabato 1 giugno 2024 la solennità del Corpus Domini, con la S.Messa nella Chiesa Monumentale di S.Agostino, alle ore 19 e, a seguire, la processione per le vie di uno dei borghi più belli d’Italia. Al termine, festa-cena per tutti presso il Salone di Sant’Agostino. Siamo tutti invitati a portare petali di rose che, i bambini della Prima Comunione, spargeranno lungo l’itinerario della processione eucaristica (Via Cavour, Matteotti, Romont, Moro, Cavour); l’invito anche a portare del buon cibo da condividere insieme alla festa-cena.

La festa del Corpus Domini venne istituita nel 1246 in Belgio grazie alla visione mistica di una suora di Liegi, la beata Giuliana di Retìne. Poi, due anni dopo, papa Urbano IV la estese a tutta la cristianità dopo il miracolo eucaristico di Bolsena nel quale dall’ostia uscirono alcune gocce di sangue per testimoniare della reale presenza del Corpo di Cristo. Si festeggia il giovedì dopo la festa della Ss. Trinità anche se in alcuni Paesi come l’Italia è stata spostata alla domenica successiva La solennità del Corpus Domini (“Corpo del Signore”) è una festa di precetto, chiude il ciclo delle feste del periodo post Pasqua e celebra il mistero dell’Eucaristia istituita da Gesù nell’Ultima Cena. Se nella Solennità del Giovedì Santo la Chiesa guarda all’Istituzione dell’Eucaristia, scrutando il mistero di Cristo che ci amò sino alla fine donando se stesso in cibo e sigillando il nuovo Patto nel suo Sangue, nel giorno del Corpus Domini l’attenzione si sposta sulla relazione esistente fra Eucaristia e Chiesa, fra il Corpo del Signore e il suo Corpo Mistico. Le processioni e le adorazioni prolungate celebrate in questa solennità, manifestano pubblicamente la fede del popolo cristiano in questo Sacramento. In esso la Chiesa trova la sorgente del suo esistere e della sua comunione con Cristo, Presente nell’Eucaristia in Corpo Sangue anima e Divinità. In occasione della solennità del Corpus Domini, dopo la celebrazione della Messa, infatti, si porta in processione, racchiusa in un ostensorio sottostante un baldacchino, un’ostia consacrata ed esposta alla pubblica adorazione: viene adorato Gesù vivo e vero, presente nel Santissimo Sacramento.

Stampa articolo